Per la gioia di tutti gli appassionati della serie televisiva basata sui romanzi di Roberto Saviano e diretta da Stefano Sollima, Salvatore Conte, Genny Savastano, Ciro Di Marzio e tutti gli altri protagonisti di Gomorra 2 – La serie sono finalmente tornati a farci emozionare.

Il primo imperdibile doppio appuntamento con la serie italiana più amata di sempre è andato in onda lo scorso 10 maggio sugli schermi di Sky Atlantic e promette di emozionarci esattamente quanto la prima.
Tra i personaggi che si sono susseguiti sullo schermo durante questo inizio di stagione, non si può fare a meno di nominare Salvatore Conte, interpretato dall’attore Marco Palvetti, boss del clan rivale a quello dei Savastano.

Salvatore Conte: il personaggio

Salvatore Conte è un giovane esponente della Camorra, dal carattere astuto e dalle forti credenze religiose. L’uomo inizialmente era parte del clan dei Savastano, in quanto gestiva diverse piazze di spaccio per conto di Don Pietro. Tuttavia, una volta acquisito un po’ di potere, il giovane decide di staccarsi dal clan e di fondarne uno proprio, facendo della Spagna la sua zona operativa. salvatore-conte

Dopo la sua scissione, Salvatore Conte entra ovviamente in conflitto con il boss dei Savastano, e di conseguenza, anche con i due scagnozzi più fedeli al capoclan, Attilio e Ciro. Saranno proprio loro due, infatti, ad essere mandati da Don Pietro a casa della madre di Salvatore Savastano (l’uomo è molto legato all’anziana donna) per incendiarla.
Il “ribelle” riesce a portare in salvo sua madre e comincia a meditare vendetta nei confronti di Pietro Savastano, cercando di uccidere diversi suoi scagnozzi, tra cui proprio Ciro Di Marzio. In risposta, il boss dei Savastano ordina ai suoi uomini di assassinare Salvatore Conte, tuttavia l’uomo riesce a sfuggire all’attentato rifugiandosi nella Penisola Iberica.

Salvatore Conte rimane in Spagna per diverso tempo e diventa il più grande narcotrafficante dell’Europa Meridionale. Data la potenza acquisita da Conte, Don Pietro decide di mandare il suo braccio destro Ciro Di Marzio all’estero a trattare con Conte, con l’intento di raggiungere un accordo. Tuttavia, ancora in collera per l’attentato alla vita della madre, Salvatore Conte getta Ciro dalla barca su cui si stava svolgendo la trattativa.
Dopo poco una barca inviata da Conte stesso salva Ciro e il narcotrafficante propone all’uomo un accordo: se lui aiuterà Salvatore Conte a salvare i suoi affari, messi in pericolo dalla criminalità organizzata russa, lo scagnozzo di Don Pietro potrà tornare a Napoli con un lungo accordo collaborativo tra i due clan. Così Ciro accetta il patto e aiuta Conte a mettere al sicuro i suoi affari e torna a Napoli con un accordo tra le mani. Così i due clan cominciano a collaborare, scambiandosi favori.

Tuttavia, l’accordo non è destinato a durare a lungo: Tonino Russo, uno dei fedeli scagnozzi di Conte, viene assassinato e il boss, sicuro della colpevolezza del clan dei Savastano, decide di vendicarsi e torna in Italia. Mentre è in auto per tornare in Italia, Salvatore Conte si rende conto di essere caduto in una trappola organizzata da Ciro, membro dei clan dei Savastano, e decide di recarsi a Napoli per uccidere Genny.

Nonostante sia stato proprio Ciro il mandante dell’attentato a Salvatore Conte, tra i due nasce un’alleanza, in quanto Ciro può essere l’unico in grado di guidare Conte alla ricerca d Genny. Tuttavia, il narcotrafficante riesce a trovare gli uomini di Genny, ma non il giovane capoclan dei Savastano.

http://www.tingweb.it/wp-content/uploads/2016/05/salvatore-conte.jpghttp://www.tingweb.it/wp-content/uploads/2016/05/salvatore-conte-150x150.jpgGianluigiCuriositàPer la gioia di tutti gli appassionati della serie televisiva basata sui romanzi di Roberto Saviano e diretta da Stefano Sollima, Salvatore Conte, Genny Savastano, Ciro Di Marzio e tutti gli altri protagonisti di Gomorra 2 - La serie sono finalmente tornati a farci emozionare. Il primo imperdibile doppio appuntamento...