WPC, legno composito: cos’è e quali utilizzi ha

Il legno composito o WPC si adatta ad ogni esigenza permettendo di raggiungere risultati di alto livello.

Il materiale in questione, noto come legno composito o wood plastic composite (WPC), rappresenta l’avanguardia in ambito edile per la salvaguardia dell’ambiente. Si compone appunto di fibre di legno, polimeri ed additivi totalmente atossici e dunque completamente eco-friendly. Realizzato per resistere alle intemperie esterne, trova particolarmente impiego per realizzare opere come vialetti e pontili ma anche per pavimenti e rivestimenti di piscine, terrazze, e molto altro.

Venendo creato per estrusione, può essere modellato a piacere per riuscire a soddisfare ogni esigenza di forma, dimensione e colore; esiste infatti in diverse varianti combinabili tra loro per creare e personalizzare il proprio ambiente.

WPC: quali benefici può apportare all’abitazione?

Numerosi sono i vantaggi di questo materiale, primo tra tutti la versatilità.

Il WPC si distingue dagli altri prodotti grazie alla sua notevole versatilità, che lo fa preferire rispetto per esempio al legno naturale. Tra i tanti vantaggi si ricordano la durata, la semplicità di messa in opera, la riciclabilità e l’estetica.

wpcIl legno composito viene realizzato per durare nel tempo, è costruito appositamente per resistere agli attacchi atmosferici e garantire il massimo della resa fino a 10 anni dalla messa in opera. Tuttavia continua a sorprendere anche al termine del suo ciclo vitale: può infatti essere macinato ed estruso di nuovo per altre 20 volte risultando dunque un prodotto amico dell’ambiente al 100%.

Altre qualità che lo rendono il materiale perfetto per rivestimenti esterni è la sua elevata resistenza al fuoco, ai raggi UV, ai carichi, all’acqua ed alle variazioni di temperatura: proprio per questi motivi il WPC non necessita né di particolari accorgimenti di montaggio né di particolare manutenzione.

Messa in opera del legno composito: materiale

Così come i suoi impieghi, anche il montaggio del WPC risulta essere molto semplice ed alla portata di tutti.

Se ci si vuole cimentare nel fai da te, riducendo i costi della messa in opera, si deve innanzitutto disporre di tutto l’occorrente necessario per montare nel migliore dei modi il WPC. Questo consiste in: doghe alveolari di legno composito, correnti di sottostruttura, clips di nylon o acciaio e nastro butilico. Inoltre, facoltativamente, potranno risultare utili anche degli spessori in gomma, dei martinetti e delle clips di inizio e fine: l’utilizzo di questi tre elementi dipenderà però dal piano d’appoggio del WPC, soprattutto se irregolare o disconnesso.

Messa in opera del WPC: procedimento

Nonostante sia di semplice esecuzione, il montaggio del WPC necessita comunque di particolare attenzione per evitare spiacevoli inconvenienti.

Prima di procedere, occorre tener presente la natura del sottofondo il quale dovrà permettere un regolare deflusso dell’acqua, per evitare ristagni, e sopportare i carichi previsti dal progetto.

Inoltre, si sottolinea che il WPC non dovrà rimanere a diretto contatto con il sottofondo ma tra i due dovranno essere montate delle correnti di sottostruttura. Esse possono essere anch’esse in WPC oppure in acciaio e devono essere posizionate ad una distanza massima di 40 cm l’una dall’altra.

Se si vuole dare più solidità alla struttura è possibile fissare le correnti al sottofondo ma il fissaggio di queste alle doghe soprastanti è sufficiente; doga e corrente saranno ulteriormente fissate dal nastro butilico applicato tra di esse per evitare scivolamenti.

Per creare la pavimentazione si procederà avvitando parzialmente la prima doga alla clip, la quale verrà in seguito completamente avvitata solo dopo l’installazione della seconda doga, e così via fino all’ultima.

 

http://www.tingweb.it/wp-content/uploads/2016/09/wpc.jpghttp://www.tingweb.it/wp-content/uploads/2016/09/wpc-150x150.jpgGianluigiCasa e arredamentoWPC, legno composito: cos'è e quali utilizzi ha Il legno composito o WPC si adatta ad ogni esigenza permettendo di raggiungere risultati di alto livello. Il materiale in questione, noto come legno composito o wood plastic composite (WPC), rappresenta l'avanguardia in ambito edile per la salvaguardia dell'ambiente. Si compone appunto di...