Oggi chi desidera avere denti fissi in tempi brevi può scegliere la tecnica del carico immediato, un’innovativa operazione di impiantologia che garantisce risultati sorprendenti.
Il termine indica il posizionamento dei denti sugli impianti dentali in modalità fissa. Tale tecnica può essere effettuata sull’intera arcata, su singolo impianto o su impianti multipli.
Tra le metodiche di impianto a carico immediato, le più utilizzate al momento sono quelle all on four e all on six che, attraverso l’impianto di 4 o 6 impianti in precisi punti strategici, permettono di ripristinare l’intera arcata dentale.
Con questa tecnica i processi di guarigione ossea sono molto rapidi e la stabilità strutturale che se ne ricava difficilmente può essere garantita da altri tipi di intervento.

LE CARATTERISTICHE NECESSARIE PER L’IMPIANTO

La tecnica del carico immediato si può effettuare se il paziente risponde a determinate caratteristiche, così come previsto da protocolli internazionali in materia.
Nello specifico deve essere presente una certa quantità di osso, il supporto paradontale deve essere buono, il paziente non deve essere affetto da bruxismo o da forme di grave malocclusione e deve avare un bilanciamento occlusale corretto.
Ultimo ma non meno importante è il fattore stabilità degli impianti dentali che deve essere superiore ai 35 Ncm.
In assenza delle condizioni indispensabili per una buona riuscita della tecnica del carico immediato, il dentista deve rinunciare a procedere.

PRE INTERVENTO: ESAMI E APPROFONDIMENTI

Prima dell’impianto vi è una fase diagnostica durante la quale si effettuano esami di approfondimento per esaminare la componente estetica e funzionale della bocca del paziente. Radiografie tradizionali e TAC-Dentalscan permettono di avere un quadro completo delle caratteristiche qualitative delle ossa.

COME SI EFFETTUA LA TECNICA DEL CARICO IMMEDIATO

caso clinico all on fourL’impiantologia del carico immediato si suddivide in due fasi.
Dapprima viene posizionato nella zona delle ossa mascellari il numero necessario di impianti, a seconda del risultato richiesto e degli esami precedentemente effettuati.
Subito dopo l’inserimento si procede con la suturazione dei tessuti gengivali mantenendo la loro posizione originale, al fine di garantire che gli impianti applicati siano completamente sommersi.
Dopo un periodo che va dai 3 ai 6 mesi, a seconda del paziente e della risposta al primo impianto, si esegue la seconda fase durante la quale gli impianti dentali vengono fissati nel cavo orale con delle viti in titanio. Quest’ultime saranno successivamente sostituite con degli abutments, dei piccoli perni sui quali vengono avvitate le protesi di porcellana o di altro materiale, a discrezione del paziente. In sostanza questi perni fanno le veci dei monconi dei denti naturali e garantiscono la massima resistenza e stabilità alla protesi fissa.

http://www.tingweb.it/wp-content/uploads/2016/03/sorriso-nuovo.jpghttp://www.tingweb.it/wp-content/uploads/2016/03/sorriso-nuovo-150x150.jpgFASalute e benessereOggi chi desidera avere denti fissi in tempi brevi può scegliere la tecnica del carico immediato, un'innovativa operazione di impiantologia che garantisce risultati sorprendenti. Il termine indica il posizionamento dei denti sugli impianti dentali in modalità fissa. Tale tecnica può essere effettuata sull'intera arcata, su singolo impianto o su impianti...