Chi ama i profumi e tutta la storia e la tradizione che ne compongono la secolare cultura non riesce a trattenere un certo disagio di fronte alle attuali strategie di comunicazione dei marchi più noti ed alla moda che dominano la grande distribuzione.

Le campagne, siano esse televisive che cartacee, sono ormai tutte palesemente uniformate, basandosi sul marchio, sul nome del profumo, e sul volto noto del cinema o della moda che si è prestato a fare da testimonial. Riuscite a ricordare una campagna che sia una che punti sul contenuto del flacone, sulla piramide olfattiva della fragranza che siete invitati ad acquistare, sulle essenze che la compongono o sul loro modo di dispiegarsi ed affascinare?

Quella della composizione dei profumi è un’arte vera e propria che si tramanda da secoli: come un pittore cerca le sfumature di colore ed i tocchi più adatti a descrivere le sue sensazioni, provando e riprovando, così un maestro profumiere distilla e miscela olii ed essenze, le annusa, analizza le prime note e attende quelle che si manifestano in un secondo momento, fino ad individuare la fragranza definitiva che evochi il ricordo che aveva in mente.
Il caso del maestro profumiere Oliver Creed è in questo senso emblematico: erede di una dinastia giunta ormai alla sua sesta generazione e che affonda le sue radici addirittura nel XVIII secolo, la maison è giunta fino ai giorni nostri mantenendo un unico comune denominatore, che vede sempre un “Creed” impegnato personalmente nella creazione di questi profumi unici, raffinati ed evocativi.

Apprezzatissimo dai personaggi più in vista del bel mondo è ad esempio Fleurs de Gardenia Creed profumo che vuole rievocare le dolci e malinconiche sensazioni del primo amore attraverso l’innocenza della prima gardenia a fiorire in primavera. Una fragranza che si ritrova spesso nella profumeria classica ed in quella artistica per il suo bouquet odoroso particolarmente sontuoso, ma che è stata in questo caso reinterpretata in maniera originale da Sir Oliver, che le ha affiancato Peonia, Mughetto e Rosa in un bouquet complessivo la cui armonia resta ancora ineguagliata.

Aventus di Creed è invece una delle più note tra le fragranze storiche del marchio, uno jus persistente e spiccatamente mascolino in cui si scoprono essenze provenienti da ogni angolo del mondo. Selezionandole tra le migliori, sono state scelte quelle in grado di comunicare delle scie olfattive che siano potenti ed autorevoli esattamente come il personaggio storico cui il profumo si ispira: Napoleone.

I due esempi appena descritti ci riconciliano sempre con il culto della profumeria e ci tengono ben distanti dal disappunto che proviamo davanti a flaconi o a campagne che risultano tra loro intercambiabili, tale è la loro carenza di contenuti sulla vera anima dei profumi!

http://www.tingweb.it/wp-content/uploads/2017/04/creed-gardenia.jpghttp://www.tingweb.it/wp-content/uploads/2017/04/creed-gardenia-150x150.jpgRedazioneSalute e benessereChi ama i profumi e tutta la storia e la tradizione che ne compongono la secolare cultura non riesce a trattenere un certo disagio di fronte alle attuali strategie di comunicazione dei marchi più noti ed alla moda che dominano la grande distribuzione. Le campagne, siano esse televisive che cartacee,...