Costola incrinata: cause

Infortunio diffuso e solitamente di modesta gravità, la costola incrinata identifica una contusione di una delle 24 coste della gabbia toracica. Quindi non dovreste allarmarvi, non sono interessate fratture ossee di alcuna entità. Spesso l’indolenzimento di una costola s’accompagna a un dolore dei muscoli intercostali, gli stessi che intervengono nella respirazione. Non a caso, il dolore aumenta durante l’inspirazione. E non a caso, fra le cause della costola incrinata ci possono essere i contraccolpi al torace provocati da una tosse violenta. Che, se particolarmente persistente, può addirittura originare una frattura costale, evento che può provocare una lesione o una perforazione degli organi del torace. A ogni modo, le cause più diffuse della costola incrinata hanno a che fare con eventi traumatici di modesta o media entità alla gabbia toracica, quali possono essere:
– gli incidenti domestici, in special modo scivolamenti;
– gli incidenti automobilistici, a seguito dei quali si può rischiare una deformazione della gabbia toracica;
– gli incidenti sulle due ruote, l’incrinatura costale e la frattura dello sterno sono infortuni tipici dei ciclisti;
– i colpi ricevuti al torace nel corso di attività sportive che richiedono contatto fisico o sollevamento di pesi;
– gli impatti durante gli sport che si basano sulla velocità, come il calcio.

Costola incrinata: rimedi

Può destare preoccupazione, ma in genere una costola incrinata si risolve con l’applicazione di impacchi di ghiaccio sulla zona dolorante (sono sufficienti 15 minuti per 3 volte al giorno) e dopo un prolungato riposo. Solitamente guarirete in 3-4 settimane. Ma i tempi di recupero potrebbero allungarsi sensibilmente se non osserverete un riposo rigoroso. Pure, se il trauma è stato particolarmente violento è sempre consigliabile che vi rivolgiate a un medico. E vi dovreste sottoporre ad approfondimenti clinici qualora avvertiate dolori in fase di inspirazione, anche nel caso in cui il trauma sia stato di modestissima gravità. Il motivo è presto detto: una respirazione scorretta a medio o a lungo termine può avere ripercussioni sull’apparato respiratorio. Onde evitare l’insorgenza di infezioni polmonari, quando non riuscite a respirare profondamente dovreste sottoporvi a una terapia antidolorifica, previo consulto medico. Ridurrete il dolore e respirerete meglio. Oltre a ciò, doveste avere problemi di respirazione, ricordatevi di respirare profondamente ogni mezz’ora circa, servirà a ridurre il rischio di polmoniti. Se evitaste anche di fumare per un bel po’, male non fareste. Un tempo i medici fasciavano la costola incrinata: ebbene, non fatelo nella maniera più assoluta, il trattamento contenitivo può essere controproducente.

http://www.tingweb.it/wp-content/uploads/2017/06/gabbia-toracica.jpghttp://www.tingweb.it/wp-content/uploads/2017/06/gabbia-toracica-150x150.jpgRedazioneSalute e benessereCostola incrinata: cause Infortunio diffuso e solitamente di modesta gravità, la costola incrinata identifica una contusione di una delle 24 coste della gabbia toracica. Quindi non dovreste allarmarvi, non sono interessate fratture ossee di alcuna entità. Spesso l'indolenzimento di una costola s'accompagna a un dolore dei muscoli intercostali, gli stessi...